joomla templates top joomla templates template joomla

impianti elettrici

Pubblicata la Variante V3 alla Norma CEI 64-8

Postato in impianti elettrici

È disponibile sul sito del CEI – Comitato Elettrotecnico Italiano la nuova Variante 3 alla Norma CEI 64-8 “Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1 000 V in corrente alternata e a 1 500 V in corrente continua“. La Variante 3 contiene modifiche ad alcuni Capitoli e Sezioni della Norma CEI 64-8/4, della Norma CEI 64-8/5 e nuove Sezioni della Norma CEI 64-8/7, in particolare sono state apportate modifiche: alla parte 4prescrizioni per la sicurezza”, con il nuovo articolo 422.7 della Sezione 422 (e relativo nuovo allegato A) sull’utilizzo dei dispositivi di rilevazione di guasti d’arco (AFDD);

Impianti elettrici e valutazione dei rischi nei locali medici

Postato in impianti elettrici

Il testo unico sulla sicurezza (dlgs 81/2008) all’art. 80 prevede specifichi adempimenti in capo al datore di lavoro. In particolare, questi deve prendere tutte le misure necessarie affinché i lavoratori siano protetti dai rischi di natura elettrica che possono derivare da: impianti; attrezzature; materiali elettrici. Occorre prestare particolare attenzione ai rischi derivanti da: contatti elettrici diretti; contatti elettrici indiretti; innesco e propagazione di incendi e di ustioni dovuti a sovratemperature pericolose, archi elettrici e radiazioni; innesco di esplosioni; fulminazione diretta e indiretta; sovratensioni; altre condizioni di guasto ragionevolmente prevedibili.

Dichiarazione di rispondenza, dai periti la guida alla compilazione

Postato in impianti elettrici

La dichiarazione di rispondenza è stata introdotta dal dm 37/08 quale documento sostitutivo della dichiarazione di conformità prevista dalla legge 46/90 e regolamentata dal dpr 447/91. Lo scopo è quello di sanare dal punto di vista documentale gli impianti sprovvisti di conformità. Da notare che la dichiarazione di rispondenza nasce per operare in un ambito temporale ben definito: riguarda infatti i soli impianti realizzati tra la data dell’entrata in vigore del dpr 447/91 ed il 27 marzo 2008 (entrata in vigore del dm 37/08). Gli impianti per i quali si intende rilasciare la dichiarazione di rispondenza devono essere realizzati secondo la regola dell’arte.

Dal CNI una proposta di modifica al 37/08

Postato in impianti elettrici

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri ha recentemente proposto al Ministero dello Sviluppo economico alcune modifiche al Decreto 37/08. Il documento sottoposto dal CNI al Ministro Calenda ripercorre il testo del Decreto evidenziandone le criticità. Tra le modifiche proposte si segnala: l’estensione dell’ambito di applicazione del Decreto anche agli impianti esterni; una minore rigidità sull’incompatibilità del ruolo di responsabile tecnico, l’estensione del campo di applicazione della dichiarazione di rispondenza; la riscrittura dell’articolo 13 abrogato dall’articolo 35, comma 2, legge 6 agosto 2008 n. 133.

Scariche atmosferiche e valutazione del rischio fulminazione, la nuova guida Inail

Postato in impianti elettrici

Il fulmine è una forte scarica elettrica che avviene nell’atmosfera e che si instaura fra due corpi con una grande differenza di potenziale elettrico.I fulmini colpiscono la superficie terrestre circa 100 volte al secondo; ogni anno si verificano circa 750.000 fulmini che per brevissimi instanti possono raggiungere temperature elevatissime (fino a 30.000°C). Gli edifici possono essere soggetti alla scarica di un fulmine con conseguenti danni a persone, animali e cose; è pertanto necessario affrontare i fulmini in termini di rischio e cercare tutte le misure di prevenzione più idonee per evitare pericoli e conseguenze. Nelle attività lavorative tale valutazione del rischio fulminazione è appositamente richiesta dal testo unico sulla sicurezza (dlgs 81/2008).